giovedì 13 ottobre 2016

Alda Bruno - La casina, la casa, le cose



Per tutta la sua vita, Donna Costanza Rubbeni aspettò che la cicas sotto l'Olmo diventasse una grande palma. Non si intendeva quanto la sua famiglia materna di piante ornamentali, né di fiori. Si stupì sempre che la rosa gialla, arrampicata sulla croce della chiesetta, fiorisse in maggio di roselline piccolissime e da giugno in poi di grandi rose gialle, e trasmise questo stupore a tutta la famiglia.

Nessun commento:

Posta un commento