giovedì 17 novembre 2016

Javier Cercas - L'impostore



Io non volevo scrivere questo libro. Non sapevo esattamente perché non volessi scriverlo, oppure lo sapevo ma non volevo riconoscerlo o non osavo riconoscerlo; o non del tutto. Il fatto è che che per più di sette anni mi sono rifiutato di scrivere questo libro. Durante quel periodo ne ho scritti altri due, anche se questo non l'avevo dimenticato; al contrario: a modo mio, mentre scrivevo gli altri due libri, scrivevo anche questo. O forse era questo libro che a modo suo scriveva me.
[...]
"Aveva ragione" disse Annette Kraus, senza smettere di sorridere.
E io pensai, pensando a Marco: "Sapevo che non mi avrebbe deluso".
"E' un grande! " disse Raül, senza riuscire a trattenersi.
E io pensai, pensando a Raül: "Sì, ma anche lui è Enric Marco".

Nessun commento:

Posta un commento