venerdì 18 novembre 2016

Vikram Chandra - Terra Rossa e Pioggia Scrosciante (Red Earth and Pouring Rain, 1995)



Il giorno prima che sparasse alla scimmia dal muso bianco Abhay si svegliò in un bagno di sudore mentre, tagliente come un rasoio, l'emicrania gli s'irradiava dalla fronte al centro della testa. Rimase sdraiato a fissare il ventilatore appeso al soffitto che ad ogni giro nell'aria torrida raccoglieva polvere, accumulandone un nuovo strato sulle pale già sporche.
[...]
Giocheremo fino al tramonto, felici, liberi e spensierati. Poi siederemo in cerchio, in innumerevoli cerchi, e diremo, dacci la tua benedizione, Ganeśa; resta con noi, amico Hanumān; e tu Yama, vecchio furfante, puoi stare a sentire, se credi; e con queste parole ricominceremo tutto daccapo.

Nessun commento:

Posta un commento