venerdì 9 dicembre 2016

Jonathan Coe - La pioggia prima che cada

Quando suonò il telefono, Gill era fuori a rastrellare le foglie in mucchi ramati, mentre suo marito le spalava in un falò. Era una domenica pomeriggio di fine autunno.
[...]
Il disegno che stava cercando ero scomparso. Peggio ancora, non era mai esistito. Come avrebbe potuto? Quello in cui aveva sperato era un'invenzione, un sogno, una cosa impossibile: come la pioggia prima che cada.

Nessun commento:

Posta un commento