giovedì 26 gennaio 2017

Daniele Del Giudice - Atlante occidentale (1985)



All'inizio del campo d'erba provò il timone; poi, dondolando le ali, cominciò e rullare. Il volantino gli spingeva i gomiti vicini ai ai fianchi e la coda bassa dell'aereo gli spostava il viso in avanti, spartendo la visuale tra gli orologi del cruscotto e gli alberi lontani come una lente bifocale. Ciò che pensava come una sua posizione era in realtà l'adeguamento a tutto quanto, dall'aereo e da fuori, gli veniva incontro, compresa la sua faccia anamorfica dal sole sulla curvatura del plexiglas.

Nessun commento:

Posta un commento