lunedì 10 luglio 2017

Paolo Cognetti - Le otto montagne (2016)

Mio padre aveva il suo modo di andare in montagna. Poco incline alla meditazione, tutto caparbietà e spavalderia. Saliva senza dosare le forze, sempre in gara con qualcuno o qualcosa, e dove il sentiero gli apreva lungo tagliava per la linea d massima pendenza. Con lui era vietato fermarsi, vietato lamentarsi per la fame o la fatica o il freddo, ma si poteva cantare una bella canzone, specie sotto il temporale o nella nebbia fitta. E lanciare ululati buttadosi giù per i nevai.

1 commento:

  1. Libro molto bello. Scrittura evocativa. Premio Strega 2017 meritatissimo.

    RispondiElimina